IT EN
Come utilizzare LinkedIn al meglio per la tua brand identity (2/2)
13 febbraio 2018

Riprendendo il tema dell’utilizzo di LinkedIn del post precedente, illustro ora una proposta ad una domanda molto frequente:

Come usare Linkedin per trovare clienti?

Il modo migliore è quello di partecipare alle discussioni, condividere aggiornamenti o notizie utili e,prima di pubblicare qualcosa, porsi sempre una domanda: ciò che sto per scrivere è davvero utile per chi lo leggerà? È un’esperienza che gli altri apprezzeranno di conoscere?

È molto difficile che su Linkedin non ci siano gruppi legati al proprio ambito professionale: se così fosse però puoi crearne uno tutto tuo, cercando persone e nuovi contatti da invitare, che reputi vicini alla tua professione o ambito aziendale.

Inoltre è possibile ricevere gli aggiornamenti di LinkedIn tramite email, per sapere cosa accade ai vari contatti – con chi sono connessi, nuovi incarichi, premi e via di seguito in modo da continuare agestire il database di contatti e guadagnare in visibilità, commentando o congratulandosi per nuovitraguardi raggiunti.

Utilizzare Linkedin per le aziende vuol dire infatti curare con attenzione la propria cerchia di contatti e nuovi professionisti. È per questo motivo che dovrai utilizzare il fatto di essere sul social network anche nella vita reale, quella di tutti i giorni: a cena con gli amici, al bar, piuttosto che ad una era di settore o ad un meeting sul tema.

Invita le persone giuste a collegarsi con te su Linkedin, metti il link sui biglietti da visita aziendali e nella firma delle email.

Gli strumenti a disposizione per fare marketing con LinkedIn

 

LinkedIn Company Pages: si tratta delle pagine aziendali, in cui è possibile condividere notiziee informazioni sulla tua azienda, sui prodotti e servizi. L’occasione per presentare i tuoi progetti ecercare eventuali collaboratori o persone interessate a lavorare con te. Utile per fare statistiche, presentazioni, e-book, case study, articoli, guide, immagini e infografiche.

LinkedIn Slideshare: sotto-canale di LinkedIn dove è possibile elaborare e condividere slide diogni tipo. Utilizzando le slides potrai affrontare, spiegare, presentare contenuti legati alle tematichepiù disparate. Con questo strumento potrai condividere: video, video-conferenze, registrazioni, consigli, contenuti grafico-informativi.

Publishing on LinkedIn: pubblicare contenuti su LinkedIn in modo professionale è fondamentaleper aumentare la brand identity, la rete di contatti e le opportunità di business. Puoi pubblicare: ricerche di settore, trends, esperienze, corsi, eventi, lezioni.

LinkedIn Sponsored Update & Direct Sponsored Content: perfetti per le sponsorizzazioni. Potrai sponsorizzare: news, blog post, statistiche, infografiche, slide.

LinkedIn Groups: come già anticipato, i gruppi sono utili non solo per lavoro o per personal branding. I gruppi su Linkedin funzionano bene, si cresce professionalmente attraverso l’aggiornamento, il confronto con i colleghi, l’aiuto da chi ha più competenze.

LinkedIn for Business

 

Esistono da poco novità non poco interessanti per LinkedIn, e qui le elencherò brevemente:

Blog Pulse. Puntare su sito e blog con dominio personale è ancora la scelta vincente ma per scalare visibilità in LinkedIn, Pulse rimane lo strumento migliore. E da poco è stato completamente rinnovato. Nuovo design, hashtag per raggruppare i contenuti e soprattutto la possibilità di scrivere direttamente anche in lingua italiana, senza dover più cambiare la lingua (inglese) dalle impostazioni.

Design rinnovato. Da mesi ormai il design del sito è stato rinnovato: più semplice, più intuitivo, assomiglia molto di più ad altri social. Importante cambiamento nei feed: non più in ordine cronologico ma per numero di interazioni. Introdotto anche il contatore delle visualizzazione dei singoli post.

Assaggio conversazioni e “chat pop up”. Gli “assaggi” delle conversazioni sono consigli pronti per poter cominciare subito una conversazione con altre persone. La chat pop up è stata completamente rinnovata, infatti ora si presenta istantanea.

#hashtag. Anche su Linkedin ora è possibile raggruppare gli argomenti e ricercare quelli dimaggiore interesse grazie agli hashtag.

Quando pubblicare per ottenere il massimo su LinkedIn?

 

Essere presenti ogni giorno è importante, sia commentando gli interventi altrui che pubblicando contenuti ed informazioni utili. In questo caso, un post al giorno è più che sufficiente, meglio se durante le ore lavorative (ma non più frenetiche): l’ideale sarebbe verso le 9 del mattino o le 18.
Ad ogni modo non sottovalutare le potenzialità del weekend: sono tantissimi i liberi professionisti che mostrano interesse nei confronti di Linkedin, anche nei momenti liberi di sabato e domenica.

Con qualche consiglio in più, ora non rimane altro che rimboccarsi le maniche, pensare ad un piano strategico e partire.

Buon lavoro!


Federico Bazzo

linkedin wallpaper

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *